Site Loader
compra il libro

Caro Luca, della serie “come diceva tuo nonno Pasquale si campa anche di soddisfazioni” ti racconto una bella cosa che è successa qualche minuto fa.

Ero in treno come al solito e stavo scrivendo un post su Facebook quando nella chat mi è apparsa questa frase della mia @mica Michela Cordò: “Grazie Vincenzo, tu sai raccontare la bellezza umana!”.

Come puoi immaginare sono rimasto sorpreso e contento – sin qui con Michela ci conosciamo solo nel mondo dei social – e preso dal pathos pro Novelle Artigiane le ho chiesto se per caso avesse letto il libro perché nel caso mi sarebbe piaciuto pubblicare il suo commento.

Ecco, a partire da lì abbiamo scambiato un po’ di pensieri che mi fa piacere condividerli con te, naturalmente dopo che le ho chiesto e ho ottenuto il permesso.
Procedo dritto per dritto, M. è Michela e V. sono io.

M.: Per ora ho letto solo le storie che scrivi sul blog e che condividi sui social.
V.: Sono contentissimo lo stesso.

M.: La prima curiosità è nata dal manifesto del lavoro ben fatto e da lì cerco di non perdere le storie che racconti. Se ci fosse un libro di tutto ciò lo comprerei e lo regalerei, perché le persone hanno bisogno di sapere che c’è un mondo bello.
V.: Il libro c’è, è fiction l’ispirazione è la stessa, nella seconda novella ci sono anche alcune storie vere che ho romanzato”.

M.: Ecco, mi sono persa qualche passaggio.
V. Perdonami la sfacciataggine, ma ti metto il link.

M.: Grazie, lo comprerò.
V.: Scherzi?, grazie a te. È una cosa a cui tengo tanto, è il passaggio dallo storyteller allo scrittore, un passaggio complicato, ci stanno quasi 4 anni di lavoro dietro, mentre per scrivere un libro di 200 pagine da saggista o da storyteller me ne basta una. Ti prego di scusarmi ancora per la mia irruenza, sarà la vecchiaia, o forse un poco la colpa è anche del tuo commento, mi è piaciuto un sacco.

M.: Non sono un’esperta, non so in che senso è complicato il passaggio, ma per me sei già uno scrittore.
V.: Che meraviglia, mi toccherà mandarti le sfogliatelle a casa.

M.: Quelle fanno sempre piacere. Comunque tornando a noi leggo abbastanza per poter dire che, leggendoti, ci si lega a te e ai tuoi personaggi, perciò continuo a seguirti e ti dico scrivi. Per quanto mi riguarda leggerò il tuo libro e ti dirò a breve! A presto e buon lavoro.

Ecco, figlio mio, questo è quello che è successo, te lo posso dire che sono felice? Sì, aveva ragione mio padre, si campa pure di soddisfazioni.

Post Author: moretti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#incipit

«Luigino prese a salterellare sul letto nell’attimo stesso in cui la musica si diffuse nella stanza. Sullo schermo, il cruciale incontro tra la ragazza e il maestro Jedi lasciò il posto alla monotonia dei titoli di coda.»
Novelle Artigiane, Pagina 11

#noteamargine

#lavorobenfatto